Shiatsu e counseling bioenergetico

Una possibile integrazione

ispirandosi al lavoro di Alexander Lowen

di Cristina Di Stefano*

“Essere pieni di vita significa respirare profondamente, muoversi liberamente e sentire con intensità.”
Alexander Lowen, psicoterapeuta statunitense, 1910-2008.

Questa bellissima frase che Alexander Lowen citava molto spesso ai suoi allievi e pazienti, descrive chiaramente la filosofia e l’orientamento del lavoro cui dedicò gran parte della sua vita: il metodo di lavoro corporeo noto in tutto il mondo con il nome di Bioenergetica.

Ho conosciuto la Bioenergetica verso la fine degli anni ’90, poco dopo aver completato la mia formazione come shiatsuka e sono rimasta subito affascinata, oltre che dal metodo in sé, anche dalle analogie che avvertivo tra Bioenergetica e shiatsu. E proprio allo shiatsu mi dedicai maggiormente, facendone la mia professione e lasciando alla Bioenergetica il ruolo di percorso di crescita personale. Percorso che è proseguito negli anni, arricchendosi via via di altre discipline corporee.
Alcuni anni fa, mi sono resa conto che era giunto il momento di una ulteriore evoluzione professionale. Ho quindi integrato al mio bagaglio di conoscenze corporee ed energetiche la formazione in counseling. E’ opportuno ricordare che il counseling è una relazione d’aiuto il cui obiettivo è il miglioramento della qualità della vita, sostenendo il percorso di consapevolezza e rivolgendosi esclusivamente a tematiche emergenti nel momento presente della persona. Sostenuta da tutta la mia precedente esperienza, ho scelto l’indirizzo bioenergetico-gestaltico poiché integra la verbalizzazione tipica del counseling con esperienze corporee per molti versi simili allo shiatsu.

Affinità tra Shiatsu e Counseling
Tra le affinità con lo shiatsu, la prima che si osserva è la capacità di intendere gli esseri umani come sistemi composti di livelli diversi, perfettamente interconnessi tra loro. Non vi è quindi nessuna divisione in settori, bensì una integrità di funzioni: la famosa identità funzionale di cui ha molto scritto Lowen e prima di lui Wilhelm Reich, suo terapeuta e maestro.
L’embriologia energetica descritta nel Lingshu ci insegna che esiste una precisa successione per lo sviluppo dei cinque Movimenti che costituiscono l’essere umano e che un evento che interferisca con questa successione può perturbarne il corretto sviluppo. Analogamente Lowen postula che lo sviluppo dell’individuo si svolga nel tempo che intercorre dal concepimento a, indicativamente, il sesto anno d’età. Qualunque evento abbia rilevanza in un momento qualsiasi di questo tempo va a influire su quello specifico momento dello sviluppo, generando quella che Lowen ha chiamato Struttura Caratteriale. Va ricordato che l’evento principale nella vita di un embrione e poi di un bambino è ovviamente rappresentato dalla relazione che instaura con i suoi genitori, o in ogni caso le figure di riferimento parentali, prima ancora che eventi ambientali e sociali (perturbazioni esterne) o problemi ad esempio legati alla salute (perturbazioni interne).

Ogni Struttura Caratteriale definirà le caratteristiche di quel particolare individuo in ogni suo livello di manifestazione: la costituzione corporea, la qualità emozionale, la capacità di stare in una relazione affettiva o sociale, le modalità di relazionarsi con l’esterno, le capacità di autorealizzarsi attraverso il riconoscimento delle proprie qualità personali; non meno importante, la quantità di energia che ha a disposizione. Risulta evidente l’analogia con le energie dei Cinque Movimenti nella loro manifestazione nell’essere umano.

          I cinque Movimenti       Le cinque Strutture caratteriali
Queste caratteristiche fanno sì che in ogni livello dell’individuo coesistano fragilità e punti di forza, insicurezze e talenti. Nel counseling bioenergetico così come nello shiatsu, il cliente/uke viene sostenuto nell’esplorazione e nella presa di consapevolezza delle peculiarità che lo costituiscono, plasmate sovente dalle abitudini di vita. Quale che sia la tematica iniziale portata in studio, risulta presto evidente come alla radice vi sia un mancato o incompleto riconoscimento dei propri bisogni, ma anche una mancanza di fiducia nelle proprie risorse e capacità.

Due approcci integrati
Rispetto al percorso seguito, lo shiatsu e il counseling bioenergetico possono seguire due strade diverse: il primo parte più spesso dal vissuto corporeo per esplorare le relazioni concrete tra questo e gli aspetti meno materiali, quali la componente emozionale e relazionale della problematica attuale; nel secondo più spesso avviene l’inverso, ossia si inizia con una tematica di natura relazionale o profondamente emotiva per acquisire consapevolezza di quanto i vissuti più intimi abbiano ripercussioni concrete sull’aspetto corporeo e di limitazione del movimento. In ciò non sussiste alcuna contraddizione, poiché entrambi gli approcci consentono alla persona un percorso di riconoscimento di sé e dei propri bisogni e, ancora più importante, la accompagnano nel contatto e nel riconoscimento delle proprie risorse, soprattutto energetiche, che può mettere a disposizione di sè per affrontare il proprio momento di difficoltà. Questo percorso evolutivo può realizzarsi solo se viene sostenuto con una modalità accogliente e non giudicante, condivisa da entrambe le professionalità.

“Gli Esercizi” e il movimento che sviluppa il potenziale energetico
C’è un ulteriore aspetto energetico nel quale si ritrova grande affinità tra i due approcci e consiste nel lavoro di Shizuto Masunaga (1925-1981) sulle estensioni e in particolare nelle sequenze di stiramento dei meridiani. Praticandoli ogni giorno e ancora di più insegnandoli, ho compreso quanto la pratica degli esercizi di Masunaga alleni al contatto energetico, rafforzi la percezione e la stimolazione dei meridiani. Tutto ciò aumenta la consapevolezza di sé, aiuta a riconoscere i propri limiti e sostiene nel superarli. Infine, col tempo, si acquisisce maggiore fluidità di movimento e di pensiero, ossia di presenza a se stessi in termini sia cognitivi sia emozionali.
Non si desidera in questo contesto offrire un’analisi dettagliata dei molteplici paralleli tra esercizi di Masunaga e di bioenergetica. A titolo di esempio, trovo interessante  soffermarsi sui due esercizi considerati la base per entrambi i metodi e osservare come le varianti tra essi siano minime. Negli esercizi di Masunaga quelli rivolti al riequilibrio di Vaso Concezione e Vaso Governatore corrispondono in modo impressionante rispettivamente agli esercizi definiti Arco e Bendover  in bioenergetica.

       Vaso Concezione e Arco

Nel primo caso, tanto Masunaga quanto Lowen riconoscono a questa esperienza la possibilità di aprirsi verso il mondo esterno, accogliendone le energie soprattutto attraverso il respiro, che in questa posizione risulta amplificato dalla maggiore espansione del diaframma.

                 Vaso Governatore e Bendover

Nel secondo caso, di nuovo entrambi i maestri indicano la possibilità di esplorare la propria capacità di abbandonarsi, ossia rilasciare le tensioni somatiche ed emozionali trattenute in particolare nella schiena; inoltre, consente di portare il respiro verso l’interno e in profondità, aumentando in tal modo la propria centratura o grounding.

Entrambe le pratiche hanno punti focali in hara e in Ming Men e sono strettamente relate alle funzioni vitali di base; non per nulla Vaso Concezione e Vaso Governatore vengono anche chiamati Mare dello Yin e Mare dello Yang proprio in virtù della loro funzione ricapitolativa delle energie attive nell’essere umano.
In questo, a mio modesto parere, ci troviamo di fronte alla maggiore affinità tra shiatsu e counseling bioenergetico: per entrambi infatti il movimento, nella sua forma più consapevole, viene riconosciuto come nutrimento indispensabile per il corpo e altrettanto per la mente e le emozioni. Viene prestata molta attenzione ai vari distretti corporei: le gambe come sostegno della vita; la braccia come possibilità di fare, agire e soprattutto i tre distretti che racchiudono la centralità dell’individuo: bacino/pelvi, torace/diaframma e testa. L’esercizio dunque non viene inteso come performance bensì come strumento fondamentale per ristabilire e mantenere un corretto equilibrio energetico, oltre che come esplorazione di sé in tutti i propri livelli (corporeo, emozionale e cognitivo) e come allenamento all’autoascolto e all’autoregolazione: mi fido della mia capacità di esplorazione e mi do il permesso di fermarmi quando sento che va bene così, per me, oggi. Nel mio qui-ora, che ascolto e onoro.

“Il cambiamento è sempre possibile, ma deve partire dall’accettazione di sé stessi.”
Alexander Lowen

Bibliografia:
M. Corradin, C. Di Stanislao, D. De Bernardinis, F. Bonanomi, “Le tipologie energetiche e il loro riflesso nell’uomo”, CEA, Milano 2011
A cura di C. Larre, E. Rochat De La Vallée, “Dal Huangdi Neijing Lingshu. La psiche nella tradizione cinese”, Jaca Book, Milano 1994
A. Lowen, “Bioenergetica”, Feltrinelli, Milano 1983
A. e L. Lowen, “Espansione e integrazione del corpo in bioenergetica”, Astrolabio, Roma 1979
S. Masunaga, “Esercizi zen per immagini”, Mediterranee, Roma 1996
Y. Mollard, M. Maiola, “L’uomo prima della nascita. Embriologia energetica”, Jaca Book, Milano 1996

*articolo apparso sul numero 61 di ShiatsuNews di dicembre 2